Computer

Apple ha un altro evento in programma per il 10 novembre. Arriva il nuovo Mac?

Si chiama “One More Thing” ed è programmato per il 10 novembre, come sempre, alle 19:00 (ora italiana). Questo è l’ennesimo evento Apple, su cui aleggia un alone di mistero come il marchio della mela morsicata ama offrire ai fan dei suoi prodotti. Ma cosa ha ancora da rivelare Tim Cook? Considerando che è già stata svelata la nuova famiglia di iPhone, iPad, Apple Watch e anche il nuovo iOS e relativi servizi, non resta che, per esclusione, parlare di nuovi computer Mac.

Potrebbe essere il debutto della nuova architettura Apple Silicon, che Tim Cook ha rivelato al mondo a giugno , durante l’Apple WWDC 2020, oltre alle notizie sul suo nuovo sistema operativo macOS Big Sur.

Apple ha introdotto un nuovo design per il suo sistema operativo per Mac, quello che considera il cambiamento più grande da quando è stato lanciato macOS 10. Il sistema operativo sembra avvicinarsi a iOS, con un ambiente chiaro (e scuro volendo) e una maggiore facilità di navigazione tra le applicazioni. Il Dock ha una barra degli strumenti, che gli utenti scopriranno rapidamente nella parte inferiore dello schermo. Le applicazioni sono state realizzate con la stessa filosofia dell’iPad, con gli strumenti raggruppati e disposti in modo tale da occupare poco spazio sullo schermo, ed essendo anche traslucidi per essere meno invadenti.

Per quanto riguarda Apple Silicon, l’azienda ha fornito l’esempio delle ottimizzazioni effettuate per ciascuna delle sue apparecchiature, dagli smartphone agli smartwatch, in una filosofia che ora, a quanto pare, intende applicare ai Mac. Tra i punti salienti ci sono le prestazioni e la gestione dell’alimentazione che il produttore cerca per il Mac, ovvero ottenere prestazioni più elevate utilizzando meno energia. A tal fine, ha introdotto una nuova famiglia di SoC che alimenterà la prossima generazione di computer dell’azienda.

I nuovi chip hanno una nuova identità (Universal Apps) per dare modo agli sviluppatori di creare applicazioni tenendo conto delle varie specifiche, comprese le soluzioni di Microsoft e Adobe. Nella sua rivelazione, la società ha mostrato che Office, inclusi Word ed Excel, funzionano in modo ottimale sul nuovo sistema operativo Mac. Lo stesso per Lightroom, l’applicazione di fotoritocco di Adobe, nonché Photoshop e Final Cut, con filtri aggiunti in tempo reale in un video in esecuzione in tre finestre indipendenti.

La tecnologia Rosetta 2 consente di tradurre il codice dell’applicazione tra il vecchio sistema e quello nuovo. Esistono anche strumenti di virtualizzazione per consentire agli sviluppatori di lavorare sulle loro applicazioni e avviarle più velocemente. E soprattutto, traslare i propri progetti precedenti nella nuova realtà del Mac.

I nuovi Mac consentono anche ai giochi iOS e iPad di funzionare direttamente, senza modifiche da parte degli sviluppatori. E per rendere le app universali, Apple ha creato un nuovo programma con un kit di sviluppo di transizione per gli sviluppatori. All’epoca, Apple ha rivelato che gli sviluppatori avrebbero iniziato immediatamente a ricevere unità, preparandosi in anticipo per il lancio di nuove macchine. Si diceva che i nuovi computer sarebbero arrivati ​​alla fine dell’anno e forse, se l’evento in programma confermerà l’arrivo dei nuovi Mac, forse con i tempi ci siamo.

Apple ha un altro evento in programma per il 10 novembre. Arriva il nuovo Mac?
Scrivi un commento

Rispondi al post

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Torna su