Ripartenza scuole
Noleggio

Come rendere meno drammatico il distanziamento sociale a scuola

Settembre è ormai arrivato e la scuola ripartirà a breve, come sarà affrontato il distanziamento sociale? 

I bambini e le bambine si ritroveranno a dover condividere insieme ai loro compagni di classe e loro insegnanti il distanziamento sociale.

Purtroppo l’idea di stare distanti con il proprio compagno di banco è una cosa che molti bambini non riescono ad accettarla facilmente. La distanza sociale minima di 90 cm e la mascherina può creare davvero un dramma nella mente dei più piccoli.

Visti i continui bollettini regionali dei nuovi contagi dovuti al covid19 la situazione a quanto pare non cambierà ancora per molto tempo, quindi è inutile girarci intorno: nelle scuole ci dovrà essere massima attenzione nel rispettare le distanze e proteggersi dal virus con le mascherine che dovranno restare sempre incollate nel viso di alunni e personale scolastico.

Cosa si fa per rendere questa situazione meno drammatica possibile?

Quando sono i più piccoli a dover pagare il prezzo più alto è bene mettersi per un attimo nei loro panni cercando delle soluzioni semplici e velocemente applicabili in modo da non rendere la scuola un ambiente davvero drammatico.

Le nuove stampanti 3D possono favorire ad abbellire gli spazi scolastici

In questo caso la nuova tecnologia in modo particolare le nuove stampanti 3D, possono abbellire banchi e sedie con delle stampe adesive a tema riprendendo personaggi e luoghi fiabeschi oppure raccontando in modo creativo slogan scolastici.

Viste le nuove disposizioni che obbligano gli edifici pubblici a collocare nel pavimento degli adesivi che segnano le distanze da rispettare, le nuove stampanti possono creare degli adesivi colorati in modo da rendere meno pesante e troppo rigido l’ambiente vissuto dai bambini.

Prendiamo esempio dagli altri Stati

Alcune nazioni come la Danimarca e la Cina hanno dato già il via a dei progetti creativi per non rendere pesante il tempo trascorso nella scuola dai bambini.
Ad esempio la Danimarca è stato il primo paese europeo a riaprire le materne, asili e scuole elementari ha ovviato al problema del distanziamento sociale utilizzando spazi più ampi momentaneamente chiusi al pubblico, come parchi divertimento, zoo e musei.
In Cina in una scuola elementare, uno studente ha progettato un cappello per far rispettare la distanza di sicurezza di un metro. Una soluzione che ha origini storiche importanti riconducibili al periodo della dinastia Song e che, oltre ad essere funzionale, permette ai bambini di interagire e di divertirsi in tutta sicurezza.
Fonte:https://www.ansa.it/canale_lifestyle/notizie/teen/2020/06/30/la-scuola-in-lockdown-dalla-danimarca-al-texas-ecco-le-idee-innovative_4dcab345-4065-4649-b1b9-7c06138a06aa.html

Tutto questo è possibile se le istituzioni scolastiche si aprono alla creatività e sopratutto non sottovalutano le nuove proposte tecnologiche che sempre di più sono in supporto alle difficoltà dell’umanità.

Nolexio è sempre a fianco dei bambini e della scuola

Nolexio nasce per promuovere gli sviluppi del settore informatico e in particolar modo far conoscere al mondo imprenditoriale oltre che alle istituzioni pubbliche le nuove tecnologie che possono essere usate con la formula del noleggio.
In questo momento è forte il sostegno e la vicinanza del team di Nolexio nei confronti dei bambini e della scuola con la speranza che si possa vivere periodi migliori.

Segui il blog di Nolexio, potrai restare aggiornato su tutte le novità dell’informatica e del noleggio.

Come rendere meno drammatico il distanziamento sociale a scuola
Scrivi un commento

Rispondi al post

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Torna su